Tutti i campi sono obbligatori. Privacy Policy

Chiudi il pannello.

News

Le ultime notizie sul Binge Eating Disorders (BED)

  • Home
  • News
  • INFANZIA DIFFICILE (CAUSA KG IN ECCESSO)

INFANZIA DIFFICILE (CAUSA KG IN ECCESSO)

01 settembre 2018 in LFR Quotes

Studi internazionali (Cambridge University, Oms, Università di Heidelberg) denunciano che l’infanzia ingrassa sempre di più e, purtroppo l’ Italia ha il primato europeo dell’obesità infantile: 21% di bambini obesi o in sovrappeso.

Ad essere più “rotondi” sono i maschietti (42%) rispetto alle femmine (38%) ed il sud d’Italia più del nord, complici anche il reddito più basso e l’eccesso di dolci industriali.

D’altra parte il fenomeno è mondiale: negli ultimi 40 anni i bambini ed adolescenti sovrappeso sono aumentati di dieci volte.

Cause? Numerose e modificabili, a patto che si voglia affrontare il problema in maniera seria affidandosi a professionisti motivati ad aiutare le famiglie.

E, sì, perché il bambino in carne non deve essere la “vittima designata”, responsabile del suo stato: va messa in terapia l’intera famiglia.

A) I genitori sono convinti che il bambino non mangi tanto ma spesso la madre o il padre è sovrappeso e di conseguenza non sa valutare le porzioni corrette per il figlio

B) I ragazzi hanno acquisito pessime abitudini alimentari: troppi cereali a colazione, pranzo frugale ma calorico, cena accompagnati da bevande zuccherate e junk food ipercalorici

C) La resistenza al cambiamento da parte dell’intera famiglia: non si può dimagrire senza modificare il proprio stile di vita

D) Scarso o assente movimento: troppe le ore a scuola e quelle seduto davanti al pc o al telefonino

Quindi l’ostacolo più difficile da affrontare è l’incapacità dei genitori di mettere una mano sulla coscienza e capire che qualcosa non ha funzionato e va rivisto, volenti o nolenti, nell’interesse del figlio sovrappeso. Rischierà di essere un adulto obeso con diabete, ipertensione, sindrome metabolica e steatosi (fegato infarcito di grasso).

Purtroppo l’esperienza mi insegna che molti genitori non accettano questa logica ed abbandonano da subito la terapia: ogni volta mi dispiaccio per il bambino/a obesa e non prevedo modifiche del suo stato negli anni futuri.

Concludo ricordando un assioma della terapia motivazionale:

“Se continuerai a fare quello che hai sempre fatto (mangiare troppo & muoverti poco senza) otterrai sempre quello che hai sempre avuto: chilo in eccesso”

Citando Pirandello: “Così è ( se vi pare).”